Grazie a tutti e addio

Venerdì 22 settembre 2017 l’assemblea dei soci di Azione Parmalat – Associazione degli Azionisti di Parmalat S.p.A. ha deliberato la cancellazione dell’associazione.

dopo 6 anni di attività e con tanti piccoli successi personali abbiamo dovuto prendere atto quasi tutti i nostri simpatizzanti hanno ceduto le loro azioni o hanno aderito alla recente (fallita) Opa di Sofil sas e pertanto abbiamo preso atto dell’impossibilità di continuare a svolgere il nostro oggetto associativo.

Ringraziamo tutti i giornalisti che hanno raccontato le nostre denunce, le nostre azioni, gli esposti ed hanno ascoltato la nostra voce.

Ringraziamo più di tutti gli azionisti che ci hanno dato le loro deleghe ed hanno permesso che esistesse Azione Parmalat e infine ringraziamo anche il sig. Besnier perchè senza la sua discesa in campo non avremmo mai avuto tante occasioni per essere Azionisti in Azione.

Paolo Ugolotti

Convocazione Assemblea Soci 22/09/2017

il giorno 22 settembre 2017 alle ore 15.00 via Fratti n°13/ in Langhirano (PR) è convocata l’Assemblea dei soci di Azione Parmalat – Associazione degli Azionisti di Parmalat S.p.A. per delibera sul seguente,

ordine del giorno

  1. messa in liquidazione e chiusura dell’associazione.

cordiali saluti.

Langhirano, 13/09/2017

il Presidente

Dott. Paolo Ugolotti

Balle spaziali

L’opa è finita e non ci sembra di essere rimasti azionisti di una società quotata, non ci sembra che nulla dei rischi e dei pericoli che la réclame francese evidenziava siano accaduti.

Insomma “Se non è una balla, quando?” “Ma quando mai”

Chi ha aderito spaventato dallo scenario apocalittico disegnato attraverso la propaganda pubblicitaria, i call center e le dichiarazioni, oggi cosa dovrebbe pensare? Dovrebbe avere indietro i suoi titoli? Essere risarcito? Qualcuno si è accorto che oggi il titolo ha chiuso a 3,17?

Scenari— OPA bis

se Lactalis non arriva al 90% Parmalat rimane quotata e tutto resta come prima salvo ulteriori mosse dei Francesi che in questa sede non scriviamo per non dare suggerimenti.

se Lactalis arriva al 90% ma non al 95% DEVE fare un opa residuale obbligatoria su cui consob può intervenire sul prezzo. Esiste già il caso di Ansaldo Sts dove consob ha rialzato il prezzo opa d’ufficio.

se lactalis supera il 95% potrà operare uno squeeze out ovvero acquistare il restante flottante in via forzosa (riteniamo molto difficile questa soluzione).

le predette osservazioni sono fatte da persone che conoscono la materia ma non in modo approfondito e pertanto si raccomanda sempre di leggere i prospetti o chiedere informazioni al servizio consumatori/risparmiatori della Consob.